venerdì, marzo 30, 2007

SSSCL




Servizio Sfogo Sessuale pro Comunione & Liberazione

Da tempo mi chiedo quale può essere il mio contributo alla stabilità morale della nostra nazione, ieri sentendo la radio finalmente ho capito!!

"Papa: "Fidanzati siate casti,
giovani confessatevi spesso"


"Giovani fidanzati, vivete il fidanzamento dell'amore vero, che comporta sempre il reciproco rispetto, casto e responsabile". Lo chiede il Papa ai ragazzi riuniti in San Pietro per una celebrazione penitenziale organizzata dalla diocesi di Roma in preparazione della Pasqua."

I Ragazzi allora hanno risposto!

In sintonia con la preoccupazione del Papa per la castità dei fidanzati cristiani sono suonate anche alcune preghiere recitate dai ragazzi, tra le quali una che chiedeva il sostegno divino per "non avere rapporti sessuali prima o fuori del matrimonio, a evitare deviazioni e stravaganze" e una contro i "peccati di lussuria, che ci fanno schiavi del sesso" e contro "il disordine morale che mette a rischio persone, famiglie e società".

Ed ecco l'idea!

PAPARAPA PARAPAPAPAPAPARAPA!!!


CI PENSO IO!!

Cari cattolici e casti amici, portate pure le vostre donne alla SSSCL! troveranno amicizia cortesia e larghe vedute!

SI! perchè qua siamo comunisti & atei, quindi per noi l'inferno è gia assicurato!!

Per il solo mese di aprile sconto famiglia!

trombi 2 paghi 1

Portate anche i vostri bambini, per i più fortunati un set pedo-snuff con RON JEREMY!!!!
--------------------------------------------------------------------------



Giovane cattolica fatti sbattere da tutta la discoteca e poi vieni nel nostro centro estetico

VERGINE IMMACOLATA

"la virtù a portata di tasca!!!!"

Disponibili chirurghi specializzati per ricostruzione imene!!


sabato, marzo 24, 2007

quando il nero è propio nero!

quando la notte inghiotte le ombre e i bimbi si voltano verso le loro lampade intagliate che proiettano ombre allucinanti sul soffitto, quando le lanterne tagliano il buio come lastre di luce nella pece, ecco lì arriva gerondio il cane gothico!
si perchè gerondio è nero e borchiato, le sue uscite notturne hanno creato attorno a lui la fama di cane stregato.

Il fatto è che gerondio è veramente un mastino demoniaco, era al servizio di baphomet finche l'arcidiavolo non ha deciso di comprarsi un cucciolo elettronico della sony, sembra che il piccolo bestio di plastica faccia faville nel quindo girone! A gerondio invece è toccato l'esilio sulla terra, solo a pensare quanti ossi aveva all'inferno si commuove, ma gerondio non è certo cane da incantarsi di fronte ad un ricordo, lui ha un compito da svolgere.

Gerondio infatti porta via tutte le anime dei cuccioli sotterrati o buttati nel fiume vivi, li porta via perchè loro non saprebbero trovare la strada di casa tanto sono piccoli, e li porta nel paradiso dei cuccioli dove tanti ossi e cucce comode riempiono le case di padroni amorevoli, perchè più di ogni altra cosa un cucciolo cerca le coccole! allietano i cuccioli per sempre e li viziano per far loro dimenticare il mondo che li ha visti affogati.

quindi quando il buio è più buio aprite bene gli occhi, perchè a gerondio stanno molto antipatici gli esseri umani.

mercoledì, marzo 21, 2007

lucilla và in città

per tutto il giorno lucilla si disperò nella piccola tana, arrivata che fù la sera tornò a casa la volpe, alla vista di lucilla la piccola volpe ringhiò ma poi guardandola capì la sua disperazione e con voce pietosa le disse "piccola madonnina, ma cosa ci fai qua? il tuo posto è fuori sulle nicchie a far da custode a tutte le vecchine di san giovanni rotondo!" e lucilla "amica volpe, ma non lo vedi che sono tutta nera? e sopratutto nuda!! nessuno mi vuole più qua" la volpe allora si avvicinò e la vide, tutta rivestita di nero attillato, "qua non puoi stare madonnina, e ormai non hai nemmeno più un lavoro, dovrai andare a città! ma città è un posto pericoloso!"

Lucilla aveva già sentito parlare della terra di città, era un luogo pieno di stradine buie e di gente triste, padre pio le raccontava che dalla città la gente veniva nella terra di san giovanni rotondo per redimersi, molte madonnine trasparenti piene d'acqua abitavano lì, e tra le tante c'era sidonia, una cara amica di lucilla! "Sidonia potrebbe aiutarmi!! mi ha pure lasciato il suo indirizzo quando si è trasferita! è deciso allora, domani mattina mi metterò in cammino verso città!"

Ma comunque lucilla aveva bisogno di vestirsi, e la volpe che ormai provava simpatia per lei raccolse tutto il pelo che trovò nella sua tana e confezionò per lei una pelliccia, calda e candida, e per sdebitarsi lucilla preparò per lui il coniglio in umido e le labbra col curry! dopo il lungo pasto andarono a coricarsi ma lucilla non riusciva a prendere sonno, tanti erano i suoi pensieri.

di buona mattina lucilla salutò la volpe e si fece indicare la strada che portava a città, camminò per tutto il giorno lungo il margine della strada, era propio una bella giornata e camminare non era pesante, passavano le ore e i primi grandi palazzi della terra di città iniziarono a far capolino, dopo la mattina arrivò il pomeriggio e passato il pomeriggio il sole salutò Lucilla, era quello il momento delle lucciole.

Il matriarcato delle lucciole, la più grande potenza conosciuta nelle terre di qua! Erano ricchissime e sfoggiavano così tanti gioielli che appunto si erano autoelette “lucciole che camminano”, le strade non avevano bisogno ne di lampioni ne dì falò perché quando calava il sole s’accendevano mille luci sfavillanti, carrozze d’oro e argento percorrevano i viali che portavano a città, Lucilla impressionata e sognante camminava in mezzo a loro ammirando le mille perle e le grandi pellicce sontuose, ma quando una delle lucciole vide addosso a Lucilla la pelliccia di volpe si mise ad urlare “non è sintetica è una pelliccia di volpe vera!!! Assassina!!!!” subito accorsero tutte le altre lucciole, le strapparono di dosso la pelliccia e la fecero arrestare.

Ancora una volta la piccola Lucilla si trovava ai ferri stretti col destino, e non aveva proprio idea di quali fossero le sue colpe!! Fu messa ai ceppi e esposta al pubblico denigro, la regina giunse dopo due ore di sputazzamenti e schiaffeggiamenti, Lucilla era sconvolta, “tu chi saresti? Sembri una madonnina ma sei nuda e vestita di nero, e soprattutto ti vesti con pellicce derivate da poveri innocenti animalini!!!” seguirono fischi e insulti, la regina fece sfogare il pubblico e continuò “ Dove hai preso questa pelliccia??? Chi ti ha venduto questa merce proibita!?” Lucilla alzo la testolina di creta e disse “nessuno mi ha venduto questa pelliccia, la volpe me l’ha regalata”, “BUGIARDA!!” urlò la regina “credi forse di poterti fare beffe di me!? se non dirai la verità sulla pelliccia sarai giustiziata all’alba, dicci chi ti ha venduto questa pelliccia e sarai risparmiata!”

Lucilla era terrorizzata, non sapeva proprio come uscire da questa brutta situazione, ma dopo alcuni minuti le venne un’idea e disse “è stato padre pio, quello che viveva nella nicchia con me, per causa sua ho avuto questa pelliccia!” bhè pensò Lucilla, è la verità e poi detto questo meglio a lui che a me! Lucilla sentì che qualcosa in lei stava cambiando.

Padre pio fù arrestato e portato di fronte alla regina, cercò di difendersi incolpando e offendendo Lucilla, ma la regina era impietosa con gli uomini, “al rogo maledetto!” disse lei e il rogo fù! Lucilla guardando il rogo e ricordandosi il trattamento subito sorrise, e piano piano la sua pelle si ammorbidì, la creta era sparita, adesso la carne prendeva il suo posto, la regina lo notò e le disse “ bene piccina adesso dentro il tuo petto batte un cuore!”.

domenica, marzo 18, 2007

Lucilla la madonnina gothica

C'era una volta nel regno di san giovanni rotondo lucilla, lucilla era una statuina della madonna, non nel senso che era bellissima ma nel senso che rappresentava l'immagine di "nostra signora immacolata" lei viveva serena nella sua piccola nicchia con la statuina di padre pio accanto a farle compagnia, stava per l'appunto aspettando di lacrimare sangue, si perchè a san giovanni rotondo le madonnine quando sono mature lacrimano sangue, una specie di santo ciclo mestruale.

Una bella mattina lei si sentì triste intrattabile e isterica e subito padre pio che la sapeva lunga sul sanguinamento presagì il sacro mestruo! "cara lucilla, è per te arrivato il gran giorno! adesso sarai a tutti gli effetti una statuina della madonna riconosciuta!" Passarono dunque 3 ore dall'inizio dei fastidi, e lucilla si chiese perchè ci volesse così tanto dolore e così tanta pazienza, ma a mezzodì inizio a sentir sgorgare dalla sua faccia un caldo e vischioso liquido!!

Che gioia! Lucilla finalmente era diventata matura! si toccò la faccia con le manine di creta ma quando le guardò rimase inorridita, non stava piangendo rosso, ma nero!!! Padre pio inizio a urlarle contro chiamandola "Immonda" e "Adoratrice del diavolo!" e le tirò dietro tutti i lumini votivi che erano nella cappella, allora lucilla si spoglio della bianca veste e ancora lacrimando inizio a correre ignuda come era stata creata!

versò così tante lacrime, rannichiata in una tana di volpe, che tutto il suo corpo si ricoprì della nera sostanza, facendola diventare un'immagine gothica di se stessa.....continua....

martedì, marzo 13, 2007

Ad eterna memoria..

Voglio lasciare questa testimonianza a ricordo perpetuo della cena di sabato sera, tragicamente le nostre menti hanno trovato epilogo in quel della casa del sole splendente, che questa immagine sia icona immortale.

ricordateci tutti così, giovani, spensierati, ma inanzitutto sfatti fino al midollo....




p.s se qualcuno se lo stà chiedendo, sì quello era un secchio da ghiaccio pieno di gin lemon, e ancora sì prima di arrivare a questa foto era pieno fino all'orlo.

giovedì, marzo 08, 2007

Zumamba!! Mazumba Bù!


Spingtime for andrea & tuscany!!

Ebbenesì! nella nostra verde terra di toscana è finalmente arrivata la tanto agognata primavera!! Cosa che sveglia dal lungo letargo il vostro amato cuggino e che sopratutto risveglia l'animo guerriero che è in ognuno di noi, si perchè con la primavera si risvegliano gli ormoni e i maschi devono trovare da accoppiarsi oppure mantenere quello che già hanno difendendolo da intrusioni esterne.

ora io in genere piscio sulla mi donna tutte le sere di modo da lasciarle il mio odore impresso, non sò se funziona ma ad una pioggia dorata non si dice mai di no!!

Siamo tutti un pò meno dark in primavera, perchè i fiori fioriscono e le farfalle farfugliano quindi c'è una gran aria di gioia e felicità che sprizza come pus da un foruncolo sugli specchi di tutti gli italiani.

Ieri mi sono soffermato sulla nostra situazione politica, e dopo una larga riflessione sono arrivato ad una logica conclusione, ricostituire l'armata rossa e assoldarla per fare il pari in parlamento.

dopodichè annetterci alla spagna e cagare sulla soglia del vaticano a turno!!


giovedì, marzo 01, 2007